immagini, fotografie e vista dal satellite

Isernia

Geografia: altitudine m. 423 s.l.m. Superficie comunale kmq. 68,7. La Città sorge nella parte occidentale del Molise, dove il fiume Sorde e il Carpino si uniscono a formare il Cavaliere. E' centro vivace e la sua struttura urbanistica rispecchia molto l'antico segno romano. La stagione migliore per visitare la città è la primavera per godere del paesaggio vario e colorato.

Storia: Colonia romana nel 263 a, Isernia acquistò un'importanza notevole nei rapporti con la capitale. Invasa poi dai Saraceni e dai Barbari e distrutta da numerosi terremoti, la città ebbe un lento declino. Molte furono le dominazioni che si susseguirono fino all'800 sia da parte degli Angioini, degli Aragonesi e dei Borboni . Il terremoto del 1805 ed i bombardamenti della grande guerra portarono ad Isernia gravi danni. Fu dichiarata capoluogo di provincia il 3 marzo del '70.

Monumenti: Fontana della Fraterna: è una costruzione del XIII secolo. Palazzo Vescovile: ha uno stemma settecentesco sul portale, risale alla seconda metà del 700 ma è stato ricostruito nel 1947.

Musei: Museo Comunale (p. S. Maria), contiene materiale sculoreo ed epigrafico dell'età repubblicana, romana e frammenti architettonici.

Fiere: Maitunate tra i vicoli del Codacchio (notte di S. Silvestro). Fiera delle Cipolle (giugno). Carnevale tra i vicoli del Codacchio (febbraio). Settembre Isernino (settembre). Sagra del Vino Pentro (ottobre). Sfilata dei cavalli bardati in onore di S. Antonio (giugno).

Informazioni turistiche: Corsa dei Ciucci (Venafro): Ogni anno, nel mese di giugno, nell'anfiteatro di Venafro si svolge questa corsa dove i partecipanti montano senza sella degli asini e corrono in cerchio. Zampogne Millenarie (Scapoli): in questo paesetto vi sono botteghe artigiane dove, con le stesse tecniche di duemila anni fa, vengono costruiti pifferi, zampogne e tamburelli.

Gastronomia: Maccheroni al sugo di gamberi, mappatelle, annodate di trippa, ostia rechiena, pezzata, salame di noci, taccozze de muline, marro.

Vini: Trebbiano, Tentiglie, Cerasuolo.

Artigianato: Forbici, coltelli, oggetti in rame, ricami, merletti al tombolo, pacole, campane, bassorilievi in bronzo.

Inserisci un luogo da ricordare
Titolo:
Descrizione:
Indirizzo:
Codice di sicurezza: >>

Info

CAP
86170
Codice Istat
094023
Santo Patrono
San Pietro Celestino
Eventi, Feste e Sagre
Processione del Venerdì Santo (venerdì Santo), Festa dei SS. Cosma e Damiano (ultima settimana di settembre)
Codice Catastale
E335
Sito Ufficiale
(isernia)
Numero Famiglie
7.191
Provincia
Isernia (IS)
Zona
Italia Meridionale
Uffici Postali
(isernia)
Denominazione Abitanti
isernini
Prefisso Telefonico
0865
Kataweb Città
(isernia)
Numero Abitazioni
8.438
Festa Patronale
19 Maggio
Regione
Molise